Prof. Francesco Bruno, Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia e Venereologia
fissa un appuntamento via Santa Sofia, 18 - 20122 Milano 
tel. 0258323056 / cel. 3441489464 
info@francescobrunodermatologo.it 
ISPLAD
"La tua pelle. Il tuo biglietto da visita."
Il sole ti fa bella.
I consigli del Professor Francesco Bruno.

L'estate è tornata, finalmente. Anche quest'anno è arrivato il fatidico momento delle vacanze. Le scuole chiudono, i bambini iniziano a tirare fuori secchiello, paletta e zainetto. Il calo di lavoro diminuisce con l'aumentare delle temperature, in ufficio si respira un'aria diversa, ci si rilassa, si esce di più la sera per godersi le giornate che si allungano ma soprattutto si pianificano le vacanze.

Ore, giorni trascorsi sfogliando cataloghi, siti internet sospirando e sognando un momento di relax e di pace. Ed ora eccovi qui alle prese con le valigie, le indicazioni e le controindicazioni e i consigli di chi è già partito o sta per partire.

Al mare, in montagna, ai tropici o in città, con le amiche, con la famiglia o con il partner poco importa, perché nei prossimi giorni ci sarete voi e soltanto voi. Se siete alle prese con il fatidico conto alla rovescia pronte per dire addio alla vostra routine approfittate degli ultimi giorni per prepararvi al meglio e godervi il vostro posto al sole.

Non dimenticate infatti che per prevenire le scottature e assicurarvi un'abbronzatura duratura è necessario seguire alcune semplici regole prima di partire. La vostra pelle, i capelli, e il vostro intestino ve ne saranno grati.

Per godere al meglio delle sospirate vacanze seguite i consigli del
Professor Francesco Bruno, dermatologo  a Milano e della nostra esperta nutrizionista, la Dottoressa Maria Irene Ambrosini.

Partire in serenità  con le dritte  per il beauty a prova di imprevisto del Dottor Aristide Marcazzan e infine non dimenticatevi di prendervi cura dei capelli. 
Il nostro consulente di bellezza Sicignano Domenico vi indicherà i prodotti giusti per avere capelli splendenti in tutte le occasioni.

Il sole... ti allunga la vita!
Una telefonata di allunga la vita recitava qualche anno fa il celebre spot della Telecom. Ebbene, a quanto pare, anche il sole fa la sua parte. Fino a due anni in più a testa, secondo i risultati di uno studio svedese pubblicato recentemente sulla rivista Journal of Internal Medicine. Lo studio iniziato nel 1990 che ha coinvolto circa 30,000 donne svedesi di età compresa tra i 25 e i 64 anni, ha dimostrato che evitare il sole fa male.

Le amanti della tintarella infatti hanno un rischio minore di infarto e ictus e sopravvivono più a lungo, 0.6-2.1 anni in più. 
In poche parole, non solo, esporsi al sole compensa gli effetti dannosi del fumo di sigaretta ma favorisce anche la produzione di vitamina D e di beta endorfine responsabili del senso di piacere e appagamento, e, infine, l'ossido nitrico rilasciato dalla pelle in seguito all'esposizione solare abbassa la pressione arteriosa.

Bando agli allarmismi quindi ma sempre con moderazione perché i tumori della pelle e l'invecchiamento cutaneo restano sempre in agguato. “Tutto dipende dalle caratteristiche della propria pelle gli individui di carnagione scura che non si scottano al sole possono esporsi tranquillamente senza problemi mentre invece, i soggetti con carnagione chiara che si scottano facilmente devono fare più attenzione, esponendosi con cautela utilizzando una protezione medio-alta”.

Abbronzatura, istruzione per l'uso.
Per prevenire le malattie della pelle e per evitare l'effetto peperone è sufficiente seguire una tabella di marcia preparatoria nei giorni precedenti all'esposizione e alcuni semplici consigli per tutte le età. Ne parliamo con il Professor Prof. Francesco Bruno Dermatologo a Milano, socio fondatore della Società di Dermatologia Plastica ed Estetica.

Due settimane prima di partire:
Si consiglia l'assunzione per bocca di integratori a base di beta carotene e polipodium leucotomos che filtrano i raggi solari, responsabili delle scottature e dei tumori della pelle. Non esiste una differenziazione in base all'età per questa sorta di profilassi, quanto piuttosto in base al fototipo. I più chiari fototipo I e II ovvero rossi e biondi, devono iniziare la profilassi anche un mese prima della partenza.

Una settimana prima delle vacanze:

Individuate i solari più adatti a vostre esigenze affidandovi alla consulenza di un dermatologo. In ogni caso gli schermi preferibili sono quelli fisici e non chimici. Per quanto riguarda la scelta del doposole, è meglio predigliene per il viso prodotti a base di acido ialuronico, mentre, per il corpo, emollienti a base di vitamina E. Evitate assolutamente gli autoabbronzanti perché possono provare macchie permanenti.

In vacanza:
Ricordate di mettere sempre una crema protettiva con un filtro solare 30-50 e di riapplicarla dopo il bagno. È assolutamente sbagliato pensare che la crema con filtro solare inibisce l'abbronzatura, anzi, meglio ci si protegge e più dura perché la pelle non screpola. Al contrario, invece, il cloro della piscina, tende a scolorire la pelle. Esponetevi al sole in maniera graduale ed evitate l'esposizione alle 13 alle 14, ora legale, 12-13 in caso di ora solare, perché il sole è più alto e, di conseguenza,  i raggi UV colpendo il corpo perpendicolarmente, risultano molto più dannosi.

Attenzione al topless che è altamente sconsigliato. 
La ghiandola mammaria infatti teme il calore dei raggi solari e la pelle del seno è certamente la parte più delicata del corpo della donna.

Speciale bellezza, capelli perfetti in vacanza.
I capelli, specialmente se lunghi, necessitano una cura costante durante tutto l'anno. Questo significa che ad ogni tipo di capello deve corrispondere il prodotto più adatto, cercando di limitare il più possibile l'uso di apparecchi elettronici quali piastre, arricciacapelli e asciugacapelli ad alte temperature. In estate però, è bene seguire alcune accortezze indispensabili per limitare i potenziali danni causati  dall'esposizione solare, salsedine, sabbia, cloro  e alte temperature. Per prepararti al meglio basterà seguire gli accorgimenti del nostro esperto, l'acconciatore Domenico Sicignano di Napoli.

Gioca di anticipo:
Per ottenere risultati concreti è necessario iniziare a trattare i capelli almeno un mese prima della partenza per le vacanze. Rivolgetevi quindi ad un parrucchiere qualificato assieme al quale potrete individuare il trattamento nutritivo più adatto per le vostre esigenze. Ad esempio consiglio una ricostruzione di keratina per capelli senza aggiunta di sostanze tipo SLS o parabeni, oppure  trattamenti specifici a base di oli essenziali come l'argan, la macadamia, le germe di grano o di cocco. In questo modo, anche se il capello è stato sottoposto a colorazione, meches, shatush e colpi di sole, risulterà in perfetta forma, brillante e idratato.

In spiaggia:
In spiaggia non dimenticarti di proteggere i tuoi capelli. Non solo la pelle richiede protezione e solari ma anche la chioma. Questo eviterà drastici tagli dal parrucchiere al ritorno dalla ferie.  In commercio esistono numerosi prodotti acquistabili in farmacia, in erboristeria, nei centri estetici e in profumeria.

C'è solo l'imbarazzo della scelta. Leggete bene le etichette per conoscere gli elementi che compongono i prodotti che acquisterete e ricordate che i primi cinque ingredienti  elencati determinano la qualità del singolo prodotto.

Nel vostro beauty case non deve mai mancare un olio spray da utilizzare prima dell'esposizione al sole ma soprattutto prima di immergervi in acqua, poi, uno shampoo idratante per capelli con un ph che varia da 5.5 a 6.5, una crema nutriente o un bagno capillare da tenere in posa per cinque dieci minuti con un ph commisurato alle varie miscelazione del kit acquistato. Infine, procuratevi un prodotto da applicare sulle punte dopo l'asciugatura, come ad esempio un olio a base di aloe vera, argan o semi di lino.

Prediligi oli naturali:
Forse non tutti sanno che non basta evitare di bagnare i capelli con l'acqua del mare per evitare il contatto con la salsedine. Quest'ultima, infatti, è presente sia nell'acqua, nell'aria e nella terra e, fra i sali solubili che la compongono troviamo anche il cloruro di sodio. Per creare un filtro protettivo necessario per evitare il danneggiamento della lunghezza causato dal cloruro è necessario applicare l'olio solare. Attenzione però, non tutti gli oli sono adatti. Non confondete gli oli derivati con gli oli naturali i quali sono noti per i loro effetti benefici perché garantiscono un grado maggiore di idratazione e assorbimento. Infine ricordatevi di utilizzare sempre una bandana e un cappello almeno tra le 12.00 e le 16.00 evitando così esposizioni solari troppo prolungate e di sciacquare i capelli dopo il bagno in mare. Se non siete amanti del mare ma delle passeggiate in montagna non sottovalutate i solari per i capelli specialmente ad alta quota.

Capelli grassi e capelli secchi:
Se avete i capelli secchi, quindi caratterizzati da un grado di idratazione minima, sarà necessario impegnarsi con costanza per mantenerli sani e in ordine. Proprio perché hanno la tendenza a sfibrasi dando seguito alla tricoptilosi, ovvero le doppie punte, la parola d'ordine sarà idratare. A tal fine quindi non dimenticate di bere molta acqua e consumare frutta e verdura in abbondanza. Il discorso cambia invece in caso di capelli grassi. Il mare e il calore infatti favoriscono l'essiccazione  del sebo in eccesso. Non utilizzate olio solare in eccesso e prediligete creme nutritive da tenere in posa dopo il lavaggio.

Un consiglio in più:
Ricordate di tagliare i capelli durante tutto l'anno. Non esiste un momento migliore per farlo, e non è detto che sia necessario tagliare prima o dopo le vacanze. Concentratevi piuttosto nell'individuazione della cosmesi più adatta alle vostre esigenze.

Viaggiare sicuri. Ecco cosa non deve mai mancare in valigia.
Ci siamo, manca poco, finalmente in vacanza Una, due, tre settimane di spensieratezza, relax, divertimento. Che partiate da sole, con le amiche o con la famiglia per una vacanza relax o per fare escursioni avventurose, ricordatevi comunque di fare spazio in valigia per un kit minimo di sopravvivenza valido in qualsiasi occasione.

Bastano pochi farmaci e alcuni indumenti salva-turista che vi consentiranno di consentiranno di godere al meglio delle vostre vacanze fuori porta e di avere con voi una risposta pronta in caso di malessere e spossatezza.

Ecco a voi i consigli del Dottor Aristide Marcazzan di Verona, specializzato in medicina generale:

Farmaci
È consigliabile portare con sé, che sia presso campeggi o alberghi, una discreta varietà di farmaci che possano assicurare la serenità del turista anche in caso di malessere, come ad esempio: antispastici intestinali, disinfettanti intestinali, antidiarroici e antiemetici, antiacidi, antipiretici, antistaminici in crema e compresse, cortisonici, antibiotici sistemici, collirio, creme solari con protezione 20-50 a seconda del tipo di pelle, topici auricolari, garze per medicazioni, pomate antibiotiche, cerotti e repellenti per zanzare e altri insetti.

Il consiglio in più
Si consigliar di custodire i farmaci nella borsa da viaggio, evitando un’eccessiva esposizione al calore.

Sciarpe e scarpe per le vacanze ad alta quota
Nell’eventualità di una vacanza in montagna, alcune semplici accortezze possono prevenire numerosi disturbi, come ad esempio: indossare un berretto, l’utilizzo di creme solari, sciarpe, mantelle per acqua vista la variabilità del tempo in alta quota e scarpe adeguate. Non sottovalutate la scelta delle calzature; in particolare, prima di partire,  verificate che siano comode e che calzino bene onde evitare di soffrire durante tutto il tempo in cui camminerete.

Il consiglio in più
Per quanto riguarda i viaggi in auto cercate di usare con moderazione l’aria condizionata e il riscaldamento e tentate, se possibile, di effettuare numerose pause, anche se brevi. Approfittatene per  risciacquare il naso con acqua per mantenere le mucose nasali bagnata e cercare di mantenere uno stato di tranquillità alla guida.

Vaccinazioni
Per quanto riguarda i viaggi in luoghi tropicali sarebbe ottimale portare con sé la stessa varietà di medicinali indicata per i viaggi standard.  Oltre a questo è opportuno contattare il centro malattie tropicali oppure il palazzo della Sanità più vicina al paziente almeno un mese prima, per informarsi circa le dovute vaccinazioni. Ogni località infatti differisce da un'altra per quanto riguarda i rischi relativi alla contrazione di malattie tropicali. Non cercate soluzioni alternative e agite per tempo per essere sicuri di non dover rinunciare al vaccino a causa della lista d'attesa o della mancanza di tempo. Circa i viaggi all’interno dell’Unione Europea sarebbe consigliabile la vaccinazione per il tetano ed eventualmente per la febbre tifoide.

Il consiglio in più
Circa l’alimentazione si raccomanda l’assunzione di cibi semplici, ben cotti e in quantità moderata, mentre altrettanto importante è un’adeguata idratazione. Prediligete sempre le cosiddette bevande sicure che possono essere assunte acquistando bottiglie sigillate d’acqua oppure sorgenti sicure.

Occhiali da sole e visiere e indumenti di cotone
L’utilizzo di occhiali da sole a lenti scure è indicato nei paesi del centro e nord Europa, invece in Paesi del Sud come ad esempio la Tunisia, il sole è molto alto all'orizzonte per cui sarebbe sufficiente solo un cappello con visiera.  Si consiglia comunque un adeguato utilizzo di creme solari, berretto con visiera, occhiali da sole, camicette e magliette in cotone leggero nel caso in cui la vostra meta sia un Paese caldo. Altamente sconsigliati gli indumenti sintetici perché non favoriscono la sudorazione e creano il cosiddetto effetto sauna. Se la vostra meta è la montagna o un Paese caratterizzato da basse temperature, portate con voi magliette con maniche lunghe, pantaloni corti e lunghi, scarpe traspiranti comode e calze di cotone.

La dieta giusta per un abbronzatura da 10 e lode.
La bellezza inizia a tavola soprattutto in vacanza. L'esposizione solare, i bagni frequenti le corse in spiaggia e le camminate in montagna possono mettere a dura prova l'organismo, la pelle, i capelli. Per acquisire i liquidi persi durante la giornate e per evitare che la pelle si secchi è importante idratare e assumere liquidi e alimenti leggeri che favoriscono la digestione ricchi di vitamine e di antiossidanti. Per una pelle sempre al top segui consigli della nostra nutrizionista la Dottoressa Maria Irene Ambrosini.

Antiossidanti, gli alleati della bellezza.
L’esposizione al sole, in particolare ai raggi ultravioletti, può provocare la formazione di radicali liberi, molecole responsabili dell’invecchiamento e dei danni al DNA. È quindi importante prepararsi con un buon corredo di antiossidanti.

Vitamina C: contenuta negli agrumi, kiwi, fragole, lattuga, peperoni.

Vitamina E: germe di grano, frutta secca e oleosa, oli vegetali.

Vitamina A: contenuta nel fegato, uova, latte, formaggi.

Acido lipoico: carne rossa, cuore, patate, broccoli, spinaci.

Licopene: pomodoro cotto.

Selenio: contenuto nei cereali, frutti di mare, carne, noci, funghi e asparagi.

Coenzima Q10: lo si trova nei cereali integrali, uova, arachidi, sardine, fegato, carne.

L’esposizione al sole può anche determinare, in soggetti predisposti, la dilatazione dei piccoli vasi sanguigni. A tale scopo può essere utile l’assunzione di mirtilli, contenenti antocianosidi, composti che hanno la proprietà di rinforzare il tessuto connettivo che sostiene i vasi, migliorandone l’elasticità.

Eritemi, previenili a tavola.
Contrariamente a quanto si pensa, a proposito di alimenti che potenziano l’abbronzatura, è necessario sfatare un falso mito: il betacarotene, pigmento contenuto nella frutta e negli ortaggi di colore giallo-arancio e negli ortaggi a foglia come le carote, albicocche, meloni gialli, pesche, broccoli e rucola, non stimola la produzione di melanina, come comunemente ritenuto; tuttavia è una sostanza molto utile, in quanto aiuta a prevenire gli eritemi, e, accumulandosi nel tessuto adiposo, può amalgamarsi con il colore brunastro della melanina, conferendo una tonalità brasiliana alla nostra abbronzatura. Ricordate inoltre di reidratare la pelle tutti i giorni assumendo frutta e verdura  ad elevato contenuto di acqua quali, ad esempio, cetrioli, lattuga, cocomero, melone.

60-70 anni, attenzione al grande caldo.
L'afa, lo sbalzo delle temperature causato dall'utilizzo di condizionatori d'aria e ventilatori e le elevate temperature degli assolati pomeriggi estivi possono mettere a dura prova grandi e piccini. Per tutti vale il consiglio evergreen, bere almeno due litri d'acqua medio minerale al giorno non eccessivamente freddi e consumare frutta e verdura e pietanze fredde e nutrienti. Per quanto riguarda gli adulti è buona norma limitare il consumo degli alcolici e delle bevande contenenti caffeina. Inoltre è bene evitare pasti eccessivamente abbondanti e porre molta attenzione alla conservazione dei cibi deperibili. Per quanto riguarda la fascia di età 60-70 anni si consiglia di  integrare l'alimentazione con sali minerali  e pesce. Evitate di fare sforzi eccessivi durante le ore più calde e consultatevi con il vostro medico in caso di mal di testa prolungati e pressione bassa.

Posto che vai... dieta che trovi.
Vacanze in montagna a tutto sprint.
Siete sportive e desiderose di trascorrere le vacanze camminando per i boschi e assaporando la quiete della natura lontano dalla città? Seguite la dieta energetica per ritrovare il giusto equilibrio tra benessere ed energia.

Colazione leggera ed energetica a base di latte parzialmente scremato o yogurt magro e fette biscottate con miele o marmellata.

Spuntino a base di frutta fresca e secca, per reintegrare zuccheri e sali minerali, cioccolata fondente come fonte di energia.

Pranzo leggero con 60-80 grammi di pane con prosciutto crudo o speck o bresaola e un frutto oppure carne bianca alla piastra con verdura condita con olio extravergine di oliva e una fetta di pane.

Cena per riprendere le forze con una porzione di pasta, una porzione di  secondo e abbondante verdura condita con olio extravergine di oliva. Acqua in abbondanza prima e dopo i pasti.

Menu estivo per le gite in città.
Ecco alcune idee per pranzi veloci e spuntini salutari per le amanti delle visite culturali, dei giri in centro e dello shopping estivo che non si lasciano spaventare dal caldo e vogliono sentirsi in forma tutto l'anno.

Per chi ama il contrasto, dolce e salato, 70 grammi di prosciutto crudo, 400 grammi di melone, 2 o tre fichi o 40 grammi di pane o 4 cracker.

A tutta dolcezza un gelato artigianale a piacere con 1-2 cialde.

Salato con gusto: un'insalata ricca con tonno, uova e ovoline, 40 grammi di pane o un pacchetto di cracker da 25 grammi.

Salute e dolcezza una macedonia di frutta fresca di stagione con gelato e 2-3 cialde.

La dieta per le vacanze al mare.
Se siete delle patite del mare e avete trascorso la giornata al sole, camminando o leggendo la vostra rivista preferita avete sicuramente bisogno di reintegrare i liquidi e i sali minerali persi. Ecco alcuni spunti per una cena leggera:
Pollo o tacchino o pesce alla piastra;
Una fetta di pane;
Insalata di lattuga e pomodori o, in alternativa, un gazpacho con  pomodori, cetrioli e peperoni.

Allergie & Vacanze. Il consiglio in più.
In caso di allergie alimentari non fatevi prendere dal panico e non abbiate paura di andare in vacanza lasciando il vostro habitat naturale. Qualora doveste alloggiare presso un appartamento privato o in campeggio informatevi prima di partire cercando i supermercati e i negozi e delle farmacie della zona specializzate in alimentazione per intolleranti e allergici. Se invece alloggiate in hotel, avvisate in anticipo l’albergatore per concordare un menu dedicato. Nel caso specifico dei celiaci, si può consultare il sito AIC, “Progetto Alimentazione Fuori Casa”, per avere un elenco di tutti gli esercizi attrezzati per l'accoglienza. 

Da leggere in spiaggia.
Guida cinica alla cellulite, Mondadori 2016 a cura di Cristina Fogazzi e Enrico Motta. Il libro che dice tutta la verità sui “buchi rosa”oltre le leggende metropolitane e slogan accattivanti. Una lettura divertente e accattivante perfetta per chi ha deciso di smettere di lottare contro il proprio corpo.

<< indietro
*Il materiale presente nel sito è di proprietà del Prof. Francesco Bruno. È autorizzato l'utilizzo solo se espressamente citata la fonte. 
Le informazioni presenti intendono supportare, e non sostituire, la relazione esistente tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento, e in nessun caso e a nessun titolo possono costituire una diagnosi o intendersi sostitutive di una visita medica. 
(Terapie e risultati descritti possono variare da paziente a paziente)
Copyright © 2011 / Prof. Francesco Bruno, all rights reserved. 
Medico chirurgo Specialista in Dermatologia, Venereologia e cura dell'Acne. 
Ordine dei Medici Chirurghi n. 0000006457 - P.Iva 00737920827
MILANO Via Santa Sofia, 18 - 20122 Milano, Italia
tel. 02 58323056 / cell. 344 1489464 
info@francescobrunodermatologo.it 
Google Translate 
aegcomunicazione